Tackle

Cronache dalla mini-Olimpiade russa

Cos'è successo ai Brics Games 2024? E perché il Cremlino ha deciso di posticipare al 2025 i pompatissimi World Friendship Games?

E se la grande contro-Olimpiade che i russi dovevano organizzare dopo i Giochi di Parigi, per rendere meno pesante l’effetto delle sanzioni ai suoi atleti, si fosse già svolta? Alla luce di quanto è avvenuto nelle ultime settimane, l’interrogativo è più che legittimo.

Nei mesi scorsi (e ne avevamo scritto anche in questa rubrica), il Cremlino aveva dato molto risalto ai World Friendship Games, programmati dal 15 al 29 settembre tra Mosca ed Ekaterinburg. Fin dal nome, che rimandava alla competizione organizzata dai sovietici nel 1984, per compensare il boicottaggio dei Giochi di Los Angeles, l’evento si declinava come un’autentica contro-Olimpiade, per di più promettendo ricchi premi in denaro: i World Friendship Games andavano a provocare così il CIO in quello che, dopo la proposta di World Athletics di premiare economicamente le medaglie d’oro olimpiche, è diventato un nervo scoperto per il movimento olimpico.

Poi però sono arrivati i Brics Games e qualcosa è cambiato. Nati in modo estemporaneo nel 2016, i Brics Games sono rimasti a lungo una competizione marginale. Le prime edizioni erano poco più che d…