Monografia

Un giorno al Finaltag der Amateure

Per un giorno all'anno in Germania i riflettori se li prendono i dilettanti con le finali delle Coppe regionali. Ecco il racconto del Finaltag der Amateure da Berlino

BERLINO

Uno stadio incastonato tra i palazzi di Lichtenberg per una partita che può valere una stagione. Il 25 maggio 2024, allo Hans-Zoschke-Stadion si è giocata la finale della Berliner Landespokal, la Coppa di Berlino. Di fronte il Viktoria Berlino, appena arrivato terzo nella Regionalliga Nordost, la quarta serie, e il Makkabi Berlino, detentore del trofeo che milita una divisione più sotto. In palio, oltre che la supremazia tra i dilettanti cittadini, un posto al primo turno della DFB-Pokal, in una giornata nella quale, in tutta la Germania, di sfide così non se ne gioca solo una, ma venti. C’era anche Bayer Leverkusen-Kaiserslautern, ma The SpoRt Light ha scelto un’altra Berlino.

Un teatro particolare

Un impianto, quello in cui si è giocata la finale, che ha una storia decisamente particolare. Si trova nella ex Berlino Est e normalmente è la casa del Lichtenberg 47, squadra di quarta divisione. Costruito nel Secondo Dopoguerra e intitolato a Hans Zoschke, calciatore dilettante e militante antinazista, ucciso nel 1944 in quanto membro della Resistenza, il campo, con i posti a sedere solo nella tribuna VIP e con un iconico tabellone che viene aggiornato a mano, ha rischiato negli Anni Settanta di essere demolito. Il suo problema? Quello di sorgere di fianco a una delle sedi principali del Ministero per la sicurezza dello Stato, la Stasi. Si propose di demolirlo, ma alla fine non se ne fece nulla, con il passato che è rimasto un vicino, ma non più così ingombrante. Lì, a pochi passi da Normannenstrasse, c’è infatti lo

076
Roberto Brambilla
È nato a Sesto San Giovanni, quando era ancora (per poco) la Stalingrado d'Italia. Ha scritto di sport e temi sociali per il web e per la carta. Ama la Storia e le storie. Al mattino insegna ai ragazzi, al pomeriggio sogna Berlino (Est).